• 20 September 2021

[vc_row][vc_column][vc_column_text]In un momento così particolare e surreale come quello che il mondo sta attraversando a causa del Coronavirus, la propria casa dovrebbe rappresentare un posto sicuro in cui ripararsi dal virus Covid-19 ed essere al sicuro. Per molte donne, e non solo, non è così: infatti si incrementano le possibilità di essere vittime di aggressioni e non sentirsi protette, aumentando il tempo passato col proprio aggressore in uno spazio chiuso e diminuendo anche il supporto esterno con persone terze che potrebbero essere d’aiuto.

In Cina, Stato tra i primi colpito dalla pandemia del Coronavirus, si è registrato un notevole aumento delle denunce per violenza sessuale e fisica tra le mura domestiche, rispetto al 25% pre-Coronavirus.

In Italia nel 2019 sono avvenuti l’81,2% dei femminicidi all’interno della famiglia. Per apportare soluzioni pratiche ed efficaci si stanno attivando i movimenti femministi e le autorità: una soluzione è quella di pubblicizzare il numero antiviolenza e stalking 1522, attivato dalla presidenza del consiglio e gestito dal Telefono Rosa, per offrire aiuto a chi in questo periodo potrebbe averne più bisogno.

In Francia e Spagna invece viene data la possibilità a coloro che sono vittime di violenza domestica di passare la quarantena di albergo, mentre in Italia il ministero sta pensando di adibire su tutto il territorio nazionale spazi a case rifugio.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Logo Mondosanita

Mondosanità è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Torino Iscrizione N. 5158/2020 del 23/05/2020 RG n. 8682/2020. Eccetto dove diversamente indicato, tutti i contenuti di Mondosanità sono rilasciati sotto licenza "Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License". Numero registro stampa 11/2020 del 23/05/2020 Direttore responsabile: Giulia Gioda