• 16 October 2021

Ridere fa bene alla salute. Una ricerca dell’Università svizzera di Basilea, pubblicata su Plos One, ha rilevato che ridiamo o sorridiamo in media 18 volte al giorno.

A ridere maggiormente sono le donne rispetto agli uomini. Secondo lo studio ciò avviene generalmente durante le interazioni con altre persone e in base al grado di piacere che viene provato.

Ma qual è l’impatto del ridere sulla salute? Farlo con maggiore frequenza nella vita di tutti i giorni ci rende più attrezzati per affrontare eventi stressanti.

Lo studio è stato condotto così: un segnale acustico proveniente da una app ha spinto i partecipanti (41 studenti di psicologia, 33 dei quali donne, con un’età media di poco meno di 22 anni) a rispondere alle domande otto volte al giorno a intervalli di tempo irregolari per un periodo di 14 giorni.

Le domande riguardavano la frequenza e l’intensità delle risate e il motivo che le provocava. I partecipanti sono stati anche intervistati su eventuali eventi stressanti o sintomi di stress sperimentati.

Fruendo di questa metodologia, i ricercatori sono stati in grado di studiare le relazioni tra risate, eventi stressanti e sintomi fisici e psicologici dello stress, come mal di testa o irrequietezza, nella vita di tutti i giorni.

Lo studio ha dimostrato come nelle fasi in cui i partecipanti allo studio ridevano con una frequenza maggiore, gli eventi stressanti erano associati a sintomi minori di stress percepito.

Infine, un altro aspetto emerso è che l’intensità della risata stessa ha meno influenza: per attenuare lo stress è scientificamente provato che basta un semplice sorriso.

Logo Mondosanita

Mondosanità è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Torino Iscrizione N. 5158/2020 del 23/05/2020 RG n. 8682/2020. Eccetto dove diversamente indicato, tutti i contenuti di Mondosanità sono rilasciati sotto licenza "Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License". Numero registro stampa 11/2020 del 23/05/2020 Direttore responsabile: Giulia Gioda