• 8 December 2021

Ogni anno, con la tecnica della procreazione medicalmente assistita, nascono in Italia 14mila bambini. Ma attenzione: molte coppie vengono ancora esposte a illusioni e sofferenze

Una straordinaria evoluzione sociale e scientifica, quella che emerge dalla relazione al Parlamento sulla Procreazione medicalmente assistita (PMA) 2020 – dati 2018. I numeri diramati parlano di quasi 80mila coppie italiane, in cerca di un figlio, che si rivolgono a questi centri, per un totale di 14mila bambini che nascono ogni anno con questo metodo. Più del 3%  del totale dei piccoli che vengono al mondo nel nostro Paese. A volte, però, il flusso di informazioni in questo settore, in particolare sui tassi di successo di queste tecniche, rischia di andare oltre i limiti della correttezza e della trasparenza, esponendo le coppie con problemi di infertilità a illusioni e sofferenze.

«L’infertilità può ferire le persone», evidenzia Filippo Maria Ubaldi, presidente della Società italiana di Fertilità e Sterilità-Medicina della Riproduzione (Sifes-Mr), «rendendole emotivamente fragili e, in alcuni casi, facile bersaglio di informazioni non basate su evidenze scientifiche». 

Per tentare di evitare tutto questo e per dare ai pazienti uno strumento di difesa contro messaggi non controllati che arrivano quasi ad “assicurare” una gravidanza, la Sifes-Mr lancia un decalogo per pazienti e medici e un Osservatorio che monitorerà il panorama italiano, accogliendo anche le segnalazioni sul proprio sito web: www.sifes.it.

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA, LE 5 REGOLE PER LE COPPIE NELLA SCELTA DEL CENTRO A CUI AFFIDARSI:

1. Una clinica che strilla risultati clamorosi, superiori agli altri e al di fuori degli standard internazionali – in Italia o all’estero – vi vuole attrarre promettendo di dare ciò che gli altri non hanno saputo dare, ma chi è consapevole delle proprie possibilità non fa promesse che sa di non potere realizzare. Quindi difficilmente lo vedrete promettere grandi numeri di risultato.

2. Una grande clinica non è solo quella che offre un trattamento efficace, è quella con personale compassionevole, prezzi chiari, processi amministrativi senza soluzione di continuità e un ottimo supporto emotivo.

3. Dopo 8 cicli completi, quello che viene definito l’optimal Cumulative Live Birth Rate (CLBR) è stato computato nel 82,4% (David J. McLernon et al. Human Reprod, marzo 2016). Chiunque faccia promesse di risultati migliori in pochi cicli o con tecniche mirabolanti va valutato criticamente, prendendone le distanze.

4. Andate sulla biblioteca del National Center for Biotechnology Information di Bethesda con oltre 2mila riviste (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/) e cercate il nome del medico che dirige il centro che avete scelto. Se ha una buona produzione scientifica, questo rappresenta un valore aggiunto.

5. Fate simulare una prognosi di risultato dal centro scelto e poi confrontatela con quella che risulta dall’algoritmo, costruito grazie a un database di migliaia di coppie, preparato da Scott Nelson (http://www.ivfpredict.com). Avrete così un’idea sul fatto che possiate essere o meno sul sentiero giusto per arrivare al bimbo in braccio.

LE 5 REGOLE PER I MEDICI NELL’OFFERTA DELLE PROPRIE PRESTAZIONI:

1. Un ginecologo esperto di medicina riproduttiva non promette ciò che non può mantenere, per serietà e per formazione scientifica.

2. Un ginecologo esperto prospetta alla coppia solo soluzioni corroborate da evidenza scientifica: ciò che cerca quella coppia sono soluzioni, non opinioni. Le soluzioni si ottengono applicando tecniche e procedure dotate di evidenza di risultato. 

3. È importante capire la sofferenza della coppia, indirizzandola anche a un mirato supporto psicologico.

4. Nel difficile percorso della Procreazione medicalmente assistita , gran parte delle delusioni è dovuta alla scarsa attenzione che un centro concede alle coppie. Che spesso desiderano avere colloqui al di fuori dei momenti di visita, anche solo per lenire ansie e dolori.

5. Un ginecologo che promette tecniche non validate scientificamente o prescrive esami o farmaci di non provata efficacia non è il medico che vi darà la gioia che state cercando. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Vaccino anti Covid19: in gravidanza e allattamento non ci sono controindicazioni

Logo Mondosanita

Mondosanità è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Torino Iscrizione N. 5158/2020 del 23/05/2020 RG n. 8682/2020. Eccetto dove diversamente indicato, tutti i contenuti di Mondosanità sono rilasciati sotto licenza "Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License". Numero registro stampa 11/2020 del 23/05/2020 Direttore responsabile: Giulia Gioda