Contenuti esclusivi

Serve portare l’esercizio fisico nella routine clinica. Le esperienze in cardiologia.

Exercise is Medicine: l’esercizio è parte integrante della terapia...

La medicina del futuro: come la tecnologia ci allungherà la vita

Prevenzione, meno errori medici, ospedalizzazioni più brevi e minori...

Welfare, la spesa sale a 615 miliardi: “Preoccupa il calo della natalità”

Il Rapporto 2022 del ’Think Tank’ supportato da Unipol...

Onconnection: dagli Stati generali dell’oncologia l’appello: “Le patologie oncologiche sono la grande sfida per la sanità del futuro, ecco i passi da compiere”.

7-8 novembre: a Padova la seconda tappa del progetto ONCOnnection – Stati generali dell’oncologia del Nord Est. Si confrontano clinici, associazioni e la politica per affrontare le criticità in oncologia e per rispondere alle esigenze dei pazienti oncologici.

Parte dalla città di Padova la seconda tappa del progetto ONCOnnection Stati generali dell’Oncologia – organizzati da Motore Sanità, la due giorni, il 7 e l’8 novembre 2022, interamente dedicati alle novità che ruotano attorno all’oncologia del Nord Est – Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna. L’evento è organizzato presso l’Istituto Veneto di Medicina Molecolare (VIMM)

Questa è la seconda tappa del grande percorso “ONCOnnection” realizzato negli ultimi due anni e che fino ad oggi ha riunito le esperienze in campo oncologico di tutte le regioni di Italia. Le prossime tappe degli “Stati generali dell’Oncologia”, dopo il Nord Ovest (del 15-16 settembre scorso) e Nord Est, saranno il Centro e il Sud e hanno l’obiettivo di mettere insieme le esperienze, per scrivere nero su bianco le best practices al fine di garantire la migliore presa in carico del paziente oncologico e accesso equo alle cure. 

L’obiettivo del progetto ONCOnnection – Stati generali dell’Oncologia, è fare il punto sullo stato dell’arte dell’oncologia nell’area Nord Est e per questo sono stati chiamati i massimi esperti con il coinvolgimento delle associazioni dei pazienti e delle istituzioni.  

Secondo Manuela Lanzarin, Assessore alla Sanità e al Sociale, Regione del Veneto “Oggi la presa in carico del paziente deve essere totale e accompagnata da una cura personalizzata sul paziente, ma questo si può fare solo se c’è una rete ben strutturata e un grande dialogo tra tutti gli attori della rete. La rete però non deve essere soltanto l’ambito specialistico ma deve comprendere tutti gli aspetti della sanità compresa quella territoriale. La sfida futura è applicare un modello organizzativo moderno e innovativo sulla medicina territoriale che dovrà affiancarsi al modello ospedaliero”.

Cosa non deve più esistere in ambito oncologico, lo spiega Valentina Guarneri, Professore Ordinario, Direttore della Scuola di Specializzazione in Oncologia Medica, Università di Padova: “Gli istituti che fanno meno di 135 operazioni di tumore alla mammella per anno non dovrebbero avere i Drg rimborsati. I pazienti devono essere concentrati nei centri specializzati. Dal punto di vista dei nuovi farmaci nuovi aspettare un anno per utilizzare un nuovo farmaco è un tempo troppo lungo, che spesso i pazienti non possono permettersi, dobbiamo snellire la burocrazia. Non vorrei più vedere pazienti, all’interno di contesti di ricerca, che devono andare in giro a fare esami del tutto inutili”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Bisogna pianificare il futuro della sanità per far fronte all’emergenza oncologica, Passi da gigante nel trattamento del cancro all’endometrio

Seguici!

Ultimi articoli

Serve portare l’esercizio fisico nella routine clinica. Le esperienze in cardiologia.

Exercise is Medicine: l’esercizio è parte integrante della terapia...

La medicina del futuro: come la tecnologia ci allungherà la vita

Prevenzione, meno errori medici, ospedalizzazioni più brevi e minori...

Welfare, la spesa sale a 615 miliardi: “Preoccupa il calo della natalità”

Il Rapporto 2022 del ’Think Tank’ supportato da Unipol...

Tumore alla prostata, vicini all’introduzione di una nuova tecnica per la diagnosi

Si tratta di una sorta di “naso elettronico” che,...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Serve portare l’esercizio fisico nella routine clinica. Le esperienze in cardiologia.

Exercise is Medicine: l’esercizio è parte integrante della terapia...

La medicina del futuro: come la tecnologia ci allungherà la vita

Prevenzione, meno errori medici, ospedalizzazioni più brevi e minori...

Welfare, la spesa sale a 615 miliardi: “Preoccupa il calo della natalità”

Il Rapporto 2022 del ’Think Tank’ supportato da Unipol...

Tumore alla prostata, vicini all’introduzione di una nuova tecnica per la diagnosi

Si tratta di una sorta di “naso elettronico” che,...

Dieta del restart ormonale

Dieta del restart ormonale è il metodo rivoluzionario che...
spot_imgspot_img

Serve portare l’esercizio fisico nella routine clinica. Le esperienze in cardiologia.

Exercise is Medicine: l’esercizio è parte integrante della terapia in campo clinico ma nelle lettere di dimissioni del paziente non è mai menzionato. Gli...

La medicina del futuro: come la tecnologia ci allungherà la vita

Prevenzione, meno errori medici, ospedalizzazioni più brevi e minori costi per la sanità. La medicina del futuro dà già segno di sé. Ottobre, una serata...

Welfare, la spesa sale a 615 miliardi: “Preoccupa il calo della natalità”

Il Rapporto 2022 del ’Think Tank’ supportato da Unipol Gruppo. La fotografia per aziende e cittadini. Una spesa in welfare che quest’anno crescerà di 18...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui