• 3 August 2021

Durante la fase 2 che la popolazione mondiale andrà ad affrontare nei prossimi mesi, secondo le prime dichiarazioni, sarà obbligatorio l’utilizzo delle mascherine per tutti.

Data la scarsa reperibilità delle mascherine nelle farmacie, come fa la popolazione a sapere cosa è meglio indossare per ripararsi ed essere in sicurezza?

Innanzitutto, bisogna fare una distinzione per il materiale e per il corretto utilizzo: tra i due fattori è più importante far prelevare quello del materiale. Meglio una mascherina scomoda ma più sicura, invece che il contrario.

Le mascherine possono essere chirurgiche o di stoffa: le prime sono preferibili, se disponibili in farmacia, perché limitano la diffusione nell’ambiente di particelle potenzialmente infettive, bloccando almeno il 95% dei virus in uscita. Bisogna informarsi al meglio per sapere se le mascherine chirurgiche acquistate sono state prodotte nel rispetto della norma tecnica UNI EN 14683:2019 che impone caratteristiche e metodi di prova. I loro requisiti sono la resistenza a schizzi liquidi, la traspirabilità, l’efficienza di filtrazione batterica e la pulizia da microbi. Le mascherine di stoffa invece sono “meglio di niente” ma non abbastanza perché hanno un potere filtrante minimo per chi le indossa: la scarsa protezione è quindi sia in entrata sia in uscita.

Andando avanti nella classifica ci sono poi, sempre più sicure, le mascherine FFP1, le FFP2 e le FFP3.

Le prime hanno un’efficacia filtrante del 80%, però attenzione alla valvola: se ne sono dotate hanno un’efficacia filtrante solo in fase espiratoria, quindi proteggono solo chi le indossa e non gli altri perché dalla valvola può uscire materiale infetto se chi la indossa è positivo (anche inconsapevole) al coronavirus.

Le mascherine FFP2 e FFP3 sono invece le più sicure ma sono riservate ai medici e che richiedono precise disposizioni per essere indossate e tolte, insegnate con apposita formazione agli operatori sanitari.

Ultima tra le raccomandazioni, attenti agli occhi: mantenete sempre la distanza di sicurezza di almeno un metro delle altre persone perché il virus passa attraverso le mucose. Da ricordarsi infine di lavarsi spesso le mani con sapone o gel disinfettante.

Logo Mondosanita

Mondosanità è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Torino Iscrizione N. 5158/2020 del 23/05/2020 RG n. 8682/2020. Eccetto dove diversamente indicato, tutti i contenuti di Mondosanità sono rilasciati sotto licenza "Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License". Numero registro stampa 11/2020 del 23/05/2020 Direttore responsabile: Giulia Gioda