Contenuti esclusivi

Serve portare l’esercizio fisico nella routine clinica. Le esperienze in cardiologia.

Exercise is Medicine: l’esercizio è parte integrante della terapia...

La medicina del futuro: come la tecnologia ci allungherà la vita

Prevenzione, meno errori medici, ospedalizzazioni più brevi e minori...

Welfare, la spesa sale a 615 miliardi: “Preoccupa il calo della natalità”

Il Rapporto 2022 del ’Think Tank’ supportato da Unipol...

Ictus cerebrale: riconoscere in tempo i sintomi può salvare la vita

Riconoscere in tempo i sintomi dell’ictus cerebrale può salvare la vita della persona colpita. È il messaggio della giornata mondiale contro l’ictus del 29 ottobre scorso. A.L.I.Ce. Italia Odv: “è necessario mettere in atto tutte le strategie possibili per sensibilizzare i cittadini sul “fattore tempo” proprio perché la finestra temporale per intervenire è racchiusa entro le prime 4, 5 massimo 6 ore”.

Con questa frase “Minutes can save lives” il senso è così spiegato: 1 persona su 4 verrà colpita da ictus cerebrale nel corso della propria vita ma ogni minuto è prezioso”. Questo è l’obiettivo della World Stroke Organization per l’edizione 2022 della giornata mondiale contro l’ictus cerebrale che si è celebrata lo scorso 29 ottobre. 

L’ictus cerebrale in Italia rappresenta la terza causa di morte, dopo le malattie cardiovascolari e le neoplasie. Quasi 150.000 italiani vengono colpiti da un ictus cerebrale ogni anno e la metà dei superstiti rimane con problemi di disabilità anche grave. In Italia, le persone che hanno avuto un ictus e sono sopravvissute, con esiti più o meno invalidanti, sono oggi circa 1 milione, ma il fenomeno è in crescita perché si registra un invecchiamento progressivo della popolazione e perché migliorano le terapie oggi disponibili.

Di fronte a questo quadro ecco che è importante agire in fretta riconoscendo i sintomi dell’ictus cerebrale. Ogni minuto è fondamentaleper ogni secondo che si ritarda dopo l’ictus vengono bruciati 32.000 neuroni e per ogni minuto ben 1,9 milioni. L’ictus cerebrale è una patologia strettamente correlata al tempo: più precocemente si interviene, migliori possono essere i risultati ottenuti grazie alle terapie disponibili (trombolisi e trombectomia meccanica).

Andrea Vianello
Andrea Vianello, Presidente di A.L.I.Ce. Italia Odv

Ma quali sono i sintomi dell’ictus cerebrale? Debolezza da un lato del corpo, bocca storta, difficoltà a parlare o comprendere (afasia), muovere con minor forza un braccio, una gamba o entrambi, vista sdoppiata o campo visivo ridotto, mal di testa violento e improvviso, insorgenza di uno stato confusionale, non riuscire a coordinare i movimenti né stare in equilibrio. Andrea Vianello, Presidente di A.L.I.Ce. Italia Odv (Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale) spiega: “Se compare dunque anche uno solo di questi sintomi è necessario chiamare subito il 112 (in quelle regioni dove è attivo il numero unico di emergenza) o il 118.

È fondamentale che la persona venga portata il più rapidamente possibile negli ospedali, possibilmente dotati dei centri organizzati per il trattamento, unità neurovascolari (centri ictus-stroke unit). Solo così si può pensare di ridurre il rischio di mortalità e evitare ictus particolarmente gravi, cercando di limitare danni futuri e, in particolare, le conseguenze di disabilità, molto spesso invalidanti, causati da questa malattia”.

“Ben l’80% di tutti gli episodi può essere evitato – conclude il Presidente di A.L.I.Ce. Italia Odv Andrea Vianello – partendo proprio dalla individuazione delle condizioni sulle quali si può intervenire, grazie a opportune modifiche nel proprio stile di vita e curando alcune patologie che ne possono essere causa”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Al via l’Alzheimer Fest per sensibilizzare sui corretti stili di vita e la ricerca, Emilia-Romagna, Valentina Castaldini: «Buco di 838.004.875 euro dai bilanci preventivi 2022 delle AUSL emiliano-romagnole

Seguici!

Ultimi articoli

Serve portare l’esercizio fisico nella routine clinica. Le esperienze in cardiologia.

Exercise is Medicine: l’esercizio è parte integrante della terapia...

La medicina del futuro: come la tecnologia ci allungherà la vita

Prevenzione, meno errori medici, ospedalizzazioni più brevi e minori...

Welfare, la spesa sale a 615 miliardi: “Preoccupa il calo della natalità”

Il Rapporto 2022 del ’Think Tank’ supportato da Unipol...

Tumore alla prostata, vicini all’introduzione di una nuova tecnica per la diagnosi

Si tratta di una sorta di “naso elettronico” che,...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Serve portare l’esercizio fisico nella routine clinica. Le esperienze in cardiologia.

Exercise is Medicine: l’esercizio è parte integrante della terapia...

La medicina del futuro: come la tecnologia ci allungherà la vita

Prevenzione, meno errori medici, ospedalizzazioni più brevi e minori...

Welfare, la spesa sale a 615 miliardi: “Preoccupa il calo della natalità”

Il Rapporto 2022 del ’Think Tank’ supportato da Unipol...

Tumore alla prostata, vicini all’introduzione di una nuova tecnica per la diagnosi

Si tratta di una sorta di “naso elettronico” che,...

Dieta del restart ormonale

Dieta del restart ormonale è il metodo rivoluzionario che...
spot_imgspot_img

Serve portare l’esercizio fisico nella routine clinica. Le esperienze in cardiologia.

Exercise is Medicine: l’esercizio è parte integrante della terapia in campo clinico ma nelle lettere di dimissioni del paziente non è mai menzionato. Gli...

La medicina del futuro: come la tecnologia ci allungherà la vita

Prevenzione, meno errori medici, ospedalizzazioni più brevi e minori costi per la sanità. La medicina del futuro dà già segno di sé. Ottobre, una serata...

Welfare, la spesa sale a 615 miliardi: “Preoccupa il calo della natalità”

Il Rapporto 2022 del ’Think Tank’ supportato da Unipol Gruppo. La fotografia per aziende e cittadini. Una spesa in welfare che quest’anno crescerà di 18...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui