Contenuti esclusivi

Serve portare l’esercizio fisico nella routine clinica. Le esperienze in cardiologia.

Exercise is Medicine: l’esercizio è parte integrante della terapia...

La medicina del futuro: come la tecnologia ci allungherà la vita

Prevenzione, meno errori medici, ospedalizzazioni più brevi e minori...

Welfare, la spesa sale a 615 miliardi: “Preoccupa il calo della natalità”

Il Rapporto 2022 del ’Think Tank’ supportato da Unipol...

Ho il diabete e ho paura degli aghi, cosa devo fare?

In occasione della giornata mondiale del diabete che si è celebrata il 14 novembre, l’esperto suggerisce come affrontare la fobia degli aghi e spiega quali sono gli strumenti per poter gestire al meglio il diabete senza ricorrere all’uso di aghi. Il forte disagio verso gli aghi colpisce fino al 43% i pazienti con diabete.

È una vera e propria fobia la paura degli aghi e le persone con diabete, che devono ricorrere agli aghi almeno 8 volte al giorno, la affrontano con ansia e paura. La fobia per l’ago suscita sensazioni di ansa e panico fino allo svenimento. Un recente studio ha analizzato i comportamenti di pazienti con malattie croniche confermando un forte disagio verso gli aghi che colpisce fino al 43% i pazienti con diabete.

Laura Nollino, diabetologa presso l’Unità operativa complessa di malattie endocrine del ricambio della nutrizione, dell’ospedale Cà Foncello di Treviso
Laura Nollino, diabetologa presso l’Unità operativa complessa di malattie endocrine del ricambio della nutrizione, dell’ospedale Cà Foncello di Treviso

In occasione della giornata mondiale del diabete, Laura Nollino, diabetologa presso l’Unità operativa complessa di malattie endocrine del ricambio della nutrizione, dell’ospedale Cà Foncello di Treviso, dà consigli su come affrontare la paura degli aghi e spiega quali sono gli strumenti a disposizione per gestire con serenità il diabete senza ricorrere agli aghi.

1. Come per tutte le fobie è utile rivolgersi ad un esperto psicoterapeuta soprattutto quando la paura è invalidante per il successo delle terapie farmacologiche.

“Parlare del problema – spiega la dottoressa Nollino – serve a circoscriverlo, definirlo e razionalizzarlo. Spesso il paziente sa che la sua paura è immotivata, sproporzionata all’evento ma non sa come gestirla. La terapia cognitivo comportamentale rappresenta un valido rimedio per le fobie perché attraverso alcune tecniche permette di vincere la paura”.

2. Ci sono anche piccoli accorgimenti che aiutano a distrarre il paziente spaventato. Per esempio, procedere alle rilevazioni della glicemia in modo rapido, scegliendo la profondità di puntura più confortevole in base al proprio spessore della pelle.

“In alcuni casi può essere utile pungere il polpastrello lateralmente o applicare lozioni emollienti che possono aiutare le zone fragili limitrofe – prosegue la dottoressa Laura Nollino -. Per le iniezioni di insulina, invece, è altrettanto importante andare a colpo sicuro con aghi sottocutanei di lunghezza minima, cambiandoli a ogni iniezione per evitare microlesioni e cambiando sempre la zona del corpo dove inserire l’ago”.

3. Oltre a un supporto educazionale multidisciplinare, ci poi sono le numerose soluzioni tecnologiche che riducono l’uso giornaliero degli aghi garantendo una migliore gestione del diabete.
Il sistema più avanzato di monitoraggio è quello che misura in continuo i valori della glicemia ogni 5 minuti e che può annunciare con anticipo – senza stress per il paziente – quando è necessario intervenire sulla terapia (Dexcom G6). A sostituire invece le iniezioni con le penne di insulina, sono stati progettati pratici e affidabili microinfusori patch (Omnipod) per la somministrazione di insulina, contribuendo a una gestione consapevole della malattia.

Si è notevolmente evoluta la tecnologia per la gestione del diabete, basti pensare al POD che dura 3 giorni e che eroga per via sottocutanea l’insulina o al device per il monitoraggio in continuo della glicemia (CGM) che segnala la percentuale di tempo trascorso all’interno dell’intervallo glicemico. Avere queste informazioni in tempo reale, anche attraverso smartphone e smartwatch significa avere la costante consapevolezza sui propri livelli glicemici e sapere come intervenire in anticipo e nel rispetto della privacy. Il nostro impegno è anche quello di contribuire a migliorare la qualità di vita dei nostri pazienti e microinfusori e sensori possono fare la differenza” conclude la dottoressa Laura Nollino.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Passi da gigante nel trattamento del cancro all’endometrio, Le nuove tecnologie possono porre fine all’odissea diagnostica

Seguici!

Ultimi articoli

Serve portare l’esercizio fisico nella routine clinica. Le esperienze in cardiologia.

Exercise is Medicine: l’esercizio è parte integrante della terapia...

La medicina del futuro: come la tecnologia ci allungherà la vita

Prevenzione, meno errori medici, ospedalizzazioni più brevi e minori...

Welfare, la spesa sale a 615 miliardi: “Preoccupa il calo della natalità”

Il Rapporto 2022 del ’Think Tank’ supportato da Unipol...

Tumore alla prostata, vicini all’introduzione di una nuova tecnica per la diagnosi

Si tratta di una sorta di “naso elettronico” che,...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Serve portare l’esercizio fisico nella routine clinica. Le esperienze in cardiologia.

Exercise is Medicine: l’esercizio è parte integrante della terapia...

La medicina del futuro: come la tecnologia ci allungherà la vita

Prevenzione, meno errori medici, ospedalizzazioni più brevi e minori...

Welfare, la spesa sale a 615 miliardi: “Preoccupa il calo della natalità”

Il Rapporto 2022 del ’Think Tank’ supportato da Unipol...

Tumore alla prostata, vicini all’introduzione di una nuova tecnica per la diagnosi

Si tratta di una sorta di “naso elettronico” che,...

Dieta del restart ormonale

Dieta del restart ormonale è il metodo rivoluzionario che...
spot_imgspot_img

Serve portare l’esercizio fisico nella routine clinica. Le esperienze in cardiologia.

Exercise is Medicine: l’esercizio è parte integrante della terapia in campo clinico ma nelle lettere di dimissioni del paziente non è mai menzionato. Gli...

La medicina del futuro: come la tecnologia ci allungherà la vita

Prevenzione, meno errori medici, ospedalizzazioni più brevi e minori costi per la sanità. La medicina del futuro dà già segno di sé. Ottobre, una serata...

Welfare, la spesa sale a 615 miliardi: “Preoccupa il calo della natalità”

Il Rapporto 2022 del ’Think Tank’ supportato da Unipol Gruppo. La fotografia per aziende e cittadini. Una spesa in welfare che quest’anno crescerà di 18...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui