Contenuti esclusivi

Serve portare l’esercizio fisico nella routine clinica. Le esperienze in cardiologia.

Exercise is Medicine: l’esercizio è parte integrante della terapia...

La medicina del futuro: come la tecnologia ci allungherà la vita

Prevenzione, meno errori medici, ospedalizzazioni più brevi e minori...

Welfare, la spesa sale a 615 miliardi: “Preoccupa il calo della natalità”

Il Rapporto 2022 del ’Think Tank’ supportato da Unipol...

Hiv-Aids, non abbassare la guardia: sesso protetto e test rapidi per prevenire la malattia

Due giovani, una ragazza e un ragazzo, mettono la loro faccia per dire al mondo intero che l’Aids si può prevenire usando le precauzioni e il buon senso durante i rapporti sessuali, che bisogna stare in guardia perché l’infezione da Hiv, responsabile dell’Aids, continua ad essere una realtà.

Che la prevenzione passa anche attraverso i test rapidi. E che si può parlare molto di più di Hiv-Aids tirando un calcio al pregiudizio (https://m.youtube.com/watch?v=EjWIVBtRdWU&t=2s).

Di Hiv-Aids si dovrebbe parlare tutto l’anno, ma il momento in cui si accendono i riflettori sul tema è il 1° dicembre, in  occasione della giornata mondiale per la lotta all’Aids che si celebra ogni anno nelle piazze e negli ospedali in cui si organizzano momenti di sensibilizzazione e di informazione.

Anche le città italiane hanno portato il messaggio della prevenzione proiettando sui monumenti più celebri il simbolo del fiocco rosso e della solidarietà.

I dati dell’Hiv-Aids parlano di una malattia che continua a mietere vittime.

Secondo le stime del 2020 si registrano 1.303 nuove diagnosi di infezione da Hiv in Italia, pari a 2,2 nuovi casi per 100.000 residenti, e di una media di 3,3 casi per 100.000 residenti per i Paesi dell’Unione europea. L’incidenza più elevata di nuove diagnosi si riscontra nella fascia di età 25-29 anni, mentre è in calo il numero di nuove diagnosi fra gli stranieri. 

È in aumento invece la quota di persone a cui viene diagnosticata tardivamente l’infezione: ben 2 casi su 3 per gli uomini eterosessuali e più della metà dei casi per le donne sono stati diagnosticati tardivamente.

E poi circa 500 persone muoiono ogni anno in Italia a causa dell’Aids.

Il 1° dicembre di ogni anno si è celebrata la giornata mondiale per la lotta all’Aids, un’occasione importante per riportare l’attenzione su questo tema e in generale sulle malattie sessualmente trasmissibili.

La costante presenza di numerosi casi di diagnosi tardive, con il conseguente aumento del rischio di ospedalizzazione e comparsa di malattie Hiv correlate, necessita di mantenere viva l’attenzione sulla prevenzione e la diagnosi precoce.

Una delle realtà associative attive sul territorio e in particolare a Torino è Arcobaleno Aids, in prima fila tutto l’anno per portare il messaggio della prevenzione e della solidarietà.

Arcobaleno Aids partecipa attivamente a gruppi di lavoro nazionali sulle tematiche dell’Hiv/Aids e aderisce alla campagna internazionale U=U (undetectable=untransmittable che significa non rilevabile=non trasmissibile) che ha come obiettivo il far conoscere che le persone sieropositive che hanno la carica virale non rilevabile e prendono la terapia secondo la prescrizione del medico non trasmettono l’Hiv ai loro partner sessuali.

Una certezza scientifica che, se conosciuta, contribuirà a ridurre stigma e discriminazione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Hiv, ancora troppi contagi per rapporti sessuali non protetti

Seguici!

Ultimi articoli

Serve portare l’esercizio fisico nella routine clinica. Le esperienze in cardiologia.

Exercise is Medicine: l’esercizio è parte integrante della terapia...

La medicina del futuro: come la tecnologia ci allungherà la vita

Prevenzione, meno errori medici, ospedalizzazioni più brevi e minori...

Welfare, la spesa sale a 615 miliardi: “Preoccupa il calo della natalità”

Il Rapporto 2022 del ’Think Tank’ supportato da Unipol...

Tumore alla prostata, vicini all’introduzione di una nuova tecnica per la diagnosi

Si tratta di una sorta di “naso elettronico” che,...

Newsletter

Registrati e ottieni le nostre rassegne stampa in esclusiva!

spot_img

Da non perdere

Serve portare l’esercizio fisico nella routine clinica. Le esperienze in cardiologia.

Exercise is Medicine: l’esercizio è parte integrante della terapia...

La medicina del futuro: come la tecnologia ci allungherà la vita

Prevenzione, meno errori medici, ospedalizzazioni più brevi e minori...

Welfare, la spesa sale a 615 miliardi: “Preoccupa il calo della natalità”

Il Rapporto 2022 del ’Think Tank’ supportato da Unipol...

Tumore alla prostata, vicini all’introduzione di una nuova tecnica per la diagnosi

Si tratta di una sorta di “naso elettronico” che,...

Dieta del restart ormonale

Dieta del restart ormonale è il metodo rivoluzionario che...
spot_imgspot_img

Serve portare l’esercizio fisico nella routine clinica. Le esperienze in cardiologia.

Exercise is Medicine: l’esercizio è parte integrante della terapia in campo clinico ma nelle lettere di dimissioni del paziente non è mai menzionato. Gli...

La medicina del futuro: come la tecnologia ci allungherà la vita

Prevenzione, meno errori medici, ospedalizzazioni più brevi e minori costi per la sanità. La medicina del futuro dà già segno di sé. Ottobre, una serata...

Welfare, la spesa sale a 615 miliardi: “Preoccupa il calo della natalità”

Il Rapporto 2022 del ’Think Tank’ supportato da Unipol Gruppo. La fotografia per aziende e cittadini. Una spesa in welfare che quest’anno crescerà di 18...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui