• 20 January 2022

Due giovani, una ragazza e un ragazzo, mettono la loro faccia per dire al mondo intero che l’Aids si può prevenire usando le precauzioni e il buon senso durante i rapporti sessuali, che bisogna stare in guardia perché l’infezione da Hiv, responsabile dell’Aids, continua ad essere una realtà.

Che la prevenzione passa anche attraverso i test rapidi. E che si può parlare molto di più di Hiv-Aids tirando un calcio al pregiudizio (https://m.youtube.com/watch?v=EjWIVBtRdWU&t=2s).

Di Hiv-Aids si dovrebbe parlare tutto l’anno, ma il momento in cui si accendono i riflettori sul tema è il 1° dicembre, in  occasione della giornata mondiale per la lotta all’Aids che si celebra ogni anno nelle piazze e negli ospedali in cui si organizzano momenti di sensibilizzazione e di informazione.

Anche le città italiane hanno portato il messaggio della prevenzione proiettando sui monumenti più celebri il simbolo del fiocco rosso e della solidarietà.

I dati dell’Hiv-Aids parlano di una malattia che continua a mietere vittime.

Secondo le stime del 2020 si registrano 1.303 nuove diagnosi di infezione da Hiv in Italia, pari a 2,2 nuovi casi per 100.000 residenti, e di una media di 3,3 casi per 100.000 residenti per i Paesi dell’Unione europea. L’incidenza più elevata di nuove diagnosi si riscontra nella fascia di età 25-29 anni, mentre è in calo il numero di nuove diagnosi fra gli stranieri. 

È in aumento invece la quota di persone a cui viene diagnosticata tardivamente l’infezione: ben 2 casi su 3 per gli uomini eterosessuali e più della metà dei casi per le donne sono stati diagnosticati tardivamente.

E poi circa 500 persone muoiono ogni anno in Italia a causa dell’Aids.

Il 1° dicembre di ogni anno si è celebrata la giornata mondiale per la lotta all’Aids, un’occasione importante per riportare l’attenzione su questo tema e in generale sulle malattie sessualmente trasmissibili.

La costante presenza di numerosi casi di diagnosi tardive, con il conseguente aumento del rischio di ospedalizzazione e comparsa di malattie Hiv correlate, necessita di mantenere viva l’attenzione sulla prevenzione e la diagnosi precoce.

Una delle realtà associative attive sul territorio e in particolare a Torino è Arcobaleno Aids, in prima fila tutto l’anno per portare il messaggio della prevenzione e della solidarietà.

Arcobaleno Aids partecipa attivamente a gruppi di lavoro nazionali sulle tematiche dell’Hiv/Aids e aderisce alla campagna internazionale U=U (undetectable=untransmittable che significa non rilevabile=non trasmissibile) che ha come obiettivo il far conoscere che le persone sieropositive che hanno la carica virale non rilevabile e prendono la terapia secondo la prescrizione del medico non trasmettono l’Hiv ai loro partner sessuali.

Una certezza scientifica che, se conosciuta, contribuirà a ridurre stigma e discriminazione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Hiv, ancora troppi contagi per rapporti sessuali non protetti

Logo Mondosanita

Mondosanità è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Torino Iscrizione N. 5158/2020 del 23/05/2020 RG n. 8682/2020. Eccetto dove diversamente indicato, tutti i contenuti di Mondosanità sono rilasciati sotto licenza "Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License". Numero registro stampa 11/2020 del 23/05/2020 Direttore responsabile: Giulia Gioda