• 23 June 2021

“L’ansia rappresenta l’evoluzione culturale della paura: risponde agli stessi meccanismi neurobiologici” afferma il Dottor Sanza, Direttore dell’U.O. Dipendenze Patologiche AUSL Romagna – Cesena. Si tratta di un segnale di allerta che ci sostiene nelle prove più difficili, nelle prestazioni più elevate. L’ansia può manifestarsi con diversi quadri specifici, come le fobie, l’ansia generalizzata o il disturbo da attacchi di panico.

Quando si supera il livello di eccitamento del sistema nervoso centrale, l’ansia comincia a dare fastidio. Si passa da un’iperattivazione fisiologica positiva ad uno stato di semi confusione ed estraniamento dal contesto reale.

QUALI PERSONE SONO PIÙ COLPITE DAI DISTURBI D’ANSIA?

L’ansia è un disturbo maggiormente presente nei paesi europei e negli USA rispetto al resto del mondo. Un dato certo è che le donne sono più esposte degli uomini, con un’incidenza doppia. I giovani ed i giovani adulti, poi, sono i più colpiti. I disturbi d’ansia colpiscono circa il 14% della popolazione generale, dunque un numero molto elevato.

QUALI RIMEDI ATTUARE PER SCONFIGGERE L’ANSIA?

La letteratura è univoca nell’affermare che le psicoterapie sono le forme più risolutive dei disturbi d’ansia di gravità da lieve a moderata. Se la gravità del disturbo è maggiore e sono presenti complicazioni, l’intervento farmacologico diventa inevitabile ed assolutamente consigliato.

LA SCELTA DEI FARMACI

I farmaci utilizzati nel trattamento dell’ansia sono molto efficaci nel breve periodo, ma tendono alla cronicizzazione del disturbo. Si tratta di farmaci che comportano spesso una non risoluzione del disturbo a causa di un’eccessiva sedazione. Questi farmaci, rallentando i processi cognitivi, possono portare ad un aggravamento dello stato depressivo.

L’INSORGENZA DELLA DEPRESSIONE

È un errore ricondurre a depressione tutte le forme di emotività negativa, soprattutto quando conseguenti ad eventi spiacevoli o gravi come il lutto. La depressione sopraggiunge quando la tristezza è pervasiva, cioè quando è molto coinvolgente e dura per la maggior parte della giornata.

Gli aspetti principali riguardano la mancanza di energia fisica, la riduzione del piacere nello svolgere comuni attività, i disturbi cognitivi come pensieri polarizzati e circoscritti su una visione pessimistica del mondo, di se stessi e del futuro. Nelle forme più gravi, estreme, possono assumere connotati deliranti.

A QUALE SPECIALISTA RIVOLGERSI?

È importante rivolgersi al medico di medicina generale per avere una prima valutazione. E quindi sarà questa figura ad indicare lo specialista. In generale, comunque, sarebbe bene andare da entrambi gli specialisti: sia lo psicologo che lo psichiatra. Infatti il migliore trattamento della depressione è il trattamento integrato, che associa cioè l’approccio farmacologico con quello psicoterapeutico.

Clicca qui per leggere l’articolo “La diagnosi della depressione avviene tramite smartphone”

Logo Mondosanita

Mondosanità è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Torino Iscrizione N. 5158/2020 del 23/05/2020 RG n. 8682/2020. Eccetto dove diversamente indicato, tutti i contenuti di Mondosanità sono rilasciati sotto licenza "Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License". Numero registro stampa 11/2020 del 23/05/2020 Direttore responsabile: Giulia Gioda