in

Analisi del sangue per riconoscere i tumori 4 anni prima

5 le tipologie di cancro che si possono rilevare con questa tecnica

Tecnica eccezionale permette di scoprire con l’analisi del sangue i tumori 4 anni prima.

Tumori di stomaco, esofago, colon retto, polmoni e fegato in persone senza sintomi grazie alla tecnica, chiamata PanSeer, potrebbero essere riconoscere precocemente nel 91% dei casi.

Questa nuova tecnica basata sull’analisi del sangue potrebbe riconoscerli in anticipo di quattro anni rispetto alle tecniche standard.

Questi i risultati di una ricerca internazionale pubblicata su Nature Communications e coordinata dall’Università della California a San Diego.

La tecnica PanSeer, potrebbe migliorare le prospettive di sopravvivenza dei pazienti affetti da alcuni tipi di tumori, infatti, grazie alla diagnosi molto precoce sarà possibile intervenire con farmaci o con la chirurgia quando il cancro è agli inizi della sua formazione. Nel dettaglio, l’esame del sangue è stato eseguito su un campione di 605 pazienti senza sintomi, a 191 dei quali è stato successivamente diagnosticato un cancro allo stomaco, all’esofago, al colon-retto, al polmone o al fegato entro quattro anni dal prelievo di sangue.

All’interno dello studio sono stati anche analizzati i campioni di plasma prelevati da altri 223 pazienti affetti da cancro e oltre 200 tessuti tumorali e i risultati dei test hanno dimostrano come il cancro possa essere scoperto in modo non invasivo fino a quattro anni di come avviene oggi.

In particolare, questa tecnica sarebbe in grado di rilevare alcuni tumori nell’88% dei pazienti post-diagnosi con una specificità del 96%, scoprendolo nel 95% di individui asintomatici.

Il team che ha effettuato lo studio ha tenuto a precisare come questo studio abbia sì dimostrato come cinque tipi di cancro possano essere rilevati attraverso un esame del sangue basato sulla metilazione del DNA fino a quattro anni prima della diagnosi normale, ma ha fatto però ben presente come questo test non sia ovviamente in grado di prevedere il cancro, ma potrebbe riuscire a individuare nel sangue, i segni che accompagnano la replicazione del Dna, che in presenza di tumori subiscono modifiche.

Dammi la mano

“Dammi la mano”: mostra fotografica per valorizzare i caregiver delle donne con tumore al seno

Parti prematuri

Parti prematuri in calo durante il lockdown